fonte suzuki.it
fonte suzuki.it

La sigla “GSX-R” per il motociclista più “scalmanato” è sinonimo di potenza e prestazioni al top. Ed è stato proprio questo l’obiettivo che gli ingegneri Suzuki si sono prefissati per la progettazione della propria supersportiva. Le dichiarazioni rilasciate da questi ultimi sono state molto chiare: più che un’evoluzione del precedente modello, hanno parlato di rivoluzione totale rispetto al passato. Il motore è un 4 cilindri da 999 cc con l’inedito sistema Broad Power System, che incorpora tecnologie sviluppate in MotoGP che comprende tre novità assolute: il Suzuki Racing Variable Valve Timing, il Suzuki Tuning-Alpha (SET-A)SUZUKI Top Feed Injector (S-TFI), che consentono di avere prestazioni vera e propria Superbike. Con 148,6 kW (202 CV) a 13.200 giri/mi di potenza massima gestiti dalla centralina elettronica da 32-bit, diventerà il più potente motore mai montato da una Suzuki stradale e sarà ospitato dal rinnovatissimo telaio in alluminio, il più leggero della sua categoria grazie all’aerodinamica migliorata e alla massa diminuita del 10% che mantiene comunque una rigidezza ottimale.  Per le sospensioni ci ha pensato Showa con la forcella BPF e il mono-ammortizzatore BFRC sviluppati in pista a munire la sportivissima della casa di Hamamatsu, che vengono affiancate dalla nuovissima ed efficientissima elettronica a partire dall’acceleratore ridebywire, passando per il controllo di trazione multi-mode su 10 livelli, le tre mappature motore, l’ABS da pista, il cambio elettronico Quickshifter Bidirezionale e infine il Launch Control per le partenze fulminee. La carrozzeria è stata progettata nella galleria del vento per ridurre la resistenza all’aria.

fonte suzuki.it
fonte suzuki.it

Gli ingegneri hanno ridotto la parte frontale e quella laterale; con il serbatoio ridisegnato si consente al pilota di potersi riparare più facilmente e comodamente dietro il cupolino. L’estetica è stata stravolta: sul frontale si presentano i tecnologici fari a led mentre il compatto codino presenta il faro posto in verticale, le colorazioni sono due: blu (che richiama totalmente la GSX-RR che gareggia nel campionato di MotoGP) e nero. La nuova Suzuki GSX-R 1000 sarà in vendita nei concessionari Suzuki a partire dal 2017 in due versioni una con prezzo “lowcost”, non ancora dichiarato dalla casa quindi non ancora ufficiale, da 13.000 euro e l’altra da 16.000.

Commenti

commenti