E’ Paolo Gentiloni la tanto attesa scelta di Sergio Mattarella. Proprio ieri il Capo dello Stato ha dichiarato: “Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni. Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interne, europee e internazionali”. Ieri si sono concluse le consultazioni con il colloquio di Sergio Mattarella con le delegazioni del PD. Il Presidente della Repubblica ha convocato per le 12:30 di stamattina l’esponente dem, scatenando non poche polemiche tra i pentastellati e tra i leghisti: c’è chi sostiene – come Alessandro Di Battista – che Gentiloni sia un “avatar di Renzi”, c’è chi invece – come Matteo Salvini – che definisce il nuovo premier “la fotocopia sfigata e inutile di Renzi”. Critiche dure anche da Fratelli d’Italia: Giorgia Meloni ha sottolineato la inadeguatezza della scelta del Capo dello Stato, una scelta che non si confà con la volontà di cambiamento emersa la scorsa domenica con il risultato referendario. Pochi minuti fa, il Segretario del Quirinale – in modo molto stringato – ha dichiarato ufficialmente che l’onorevole Gentiloni si è riservato di accettare l’incarico.

Sergio Mattarella con Paolo Gentiloni. Fonte Gazzetta del Sud
Sergio Mattarella con Paolo Gentiloni. Fonte Gazzetta del Sud

Queste sono le parole che il nuovo Capo dell’Esecutivo ha appena rilasciato: “Ringrazio il Presidente della Repubblica che mi ha conferito l’incarico di costituire un nuovo Governo, incarico che considero un alto onore. Cercherò di svolgere il compito con dignità e responsabilità. Il quadro ampio delle consultazioni sarà la base del mio lavoro per definire il programma del nuovo governo e  per accompagnare ed agevolare i il lavoro delle forze parlamentari. Dalle consultazioni è emersa la conferma della decisione di  Matteo Renzi di non accettare un reincarico, coerentemente con quanto affermato durante la campagna referendaria. Questa coerenza merita rispetto da parte di tutti. Non per scelta, ma per senso di responsabilità ci muoveremo nel segno della maggioranza e del governo uscenti”.

Paolo Gentiloni
Paolo Gentiloni. Fonte ansa.it

Auguriamo al Governo Gentiloni di agire con responsabilità e lealtà, nella speranza che il nostro Paese – con un’opportuna legge elettorale – possa in breve tempo tornare alle urne, massima espressione della democrazia.

Commenti

commenti