La sera del 27 dicembre è andato in onda un documentario realizzato da Alberto Angela, paleontologo, divulgatore scientifico, giornalista e scrittore, figlio del non plus ultra nel campo della divulazione del sapere, Piero Angela, famoso in particolar modo per condurre il programma Rai Superquark. Stanotte a San Pietro è un viaggio tra le meraviglie del Vaticano, un viaggio a ritroso nella storia che ci fa scoprire curiosità e peculiarità di affreschi, opere d’arte, costruzioni, paesaggi e ce ne fa conoscere la vera bellezza, tutto frutto di grandi menti del passato.

Alberto Angela
Alberto Angela. Fonte avvenire.it

Il programma è stato condotto da Alberto Angela, aiutato da Giancarlo Giannini e Carlo Verdone e anche da altri dipendenti dello Stato del Vaticano. Un viaggio notturno tra le meraviglie indisturbate. E’ un privilegio poter accedere in quei luoghi di notte, lontani dalla gente, un viaggio in cui ci siamo solo noi e l’arte.
Ascolti record per per il Programma della serata, con ben 5.976.000 spettatori (25,4% di share), un vero e proprio successone, dovuto probabilmente dalla voglia degli italiani che hanno dello scoprire e del capire il vero significato delle bellezze a volte molto poco valorizzate del Vaticano, il più piccolo stato del mondo sia per popolazione che per estensione territoriale, è grande appena 0,44 km², metà dei quali ricoperta da meravigliosi giardini.

Il racconto di Alberto Angela è stato avvincente, ha utilizzato un linguaggio colloquiale, come se si stesse rivolgendo ad ognuno di noi. Ci ha fatto immergere nell’arte, nella cultura, trasportandoci come in un’altra dimensione. Non sono mancati veri e propri excursus temporali, tornando indietro nel tempo, anche di parecchi secoli, nell’antica Roma. Il conduttore ci ha anche rivelato delle piccole sfumature, piccoli particolari che i libri di storia dell’arte magari non spesso riportano, quei dettagli che rendono curioso lo spettatore o lettore che sia; sapevate, ad esempio, che Il Giudizio Universale, fu il primo dipinto compiuto di Michelangelo? E’ molto strano pensare ad una cosa del genere, eppure, con questa semplice nozione, magari lo spettatore si ricorderà proprio di colui che l’ha dipinto. E’ un modo diverso di acculturarsi, senza sbattere la testa su ore e ore di studio matto e disperato..

Alberto Angela
Alberto Angela. Fonte tarantoindiretta.it

Che dire, solamente guardando il programma scoprirete nozioni nuove e soprattutto vi verrà voglia di prendere un aereo e catapultarvi in quei luoghi che avete potuto osservare solamente da uno schermo e diciamoci la verità, tutti vorremmo come cicerone un Alberto Angela. Buona visione!

Commenti

commenti