La Redazione de IlSaccente.it ha avuto il piacere di intervistare Daniela Virgilio, attrice romana che ha conquistato il pubblico italiano con la straordinaria interpretazione di Patrizia, personaggio chiave della serie TV Romanzo Criminale”, diretta da Stefano Sollima.
Il percorso artistico dell’attrice prende le mosse nel 2006, con l’interpretazione della protagonista femminile deIl bosco fuori”, film horror diretto da Gabriele Albanesi. Nel 2007 si diploma al Centro sperimentale di cinematografia di Roma, per poi approdare. l’anno successivo, alla fortunatissima serie televisiva Romanzo Criminale – La serie, prodotta da Sky e basata sull’omonimo romanzo del giudice tarantino Giancarlo De Cataldo.
daniela-virgilio-una-donna-in-romanzo-criminale-376669_w1000
Daniela Virgilio. Fonte AlFemminile
Ecco l’intervista integrale che Daniela Virgilio ha rilasciato alla Redazione de IlSaccente.it:
Com’è nata la passione per la recitazione?
Ho cominciato, come tutti, alle medie. In realtà passavo il tempo a guardare gli altri perché ero terrorizzata all’idea  di salire sul palco. Poi il liceo, una scuola di teatro, il centro sperimentale di cinematografia e alla fine ho capito che non avevo mai pensato ad un piano B, quindi la mia passione doveva per forza diventare anche il mio mestiere. Quando anche altri – oltre a me – hanno cominciato a crederci, ho capito che valeva la pena tentare. E quindi provino dopo provino, eccomi qua!
Come sei riuscita a conciliare la passione per la recitazione con gli studi universitari? 
Eh… poveri i miei genitori! Ci ho messo 14 anni a laurearmi! Mi sono laureata a luglio 2016. Ho dovuto smettere per lavoro diverse volte, tipo legge di Murphy. Ogni volta che avevo una sessione di esame magicamente qualche produzione mi richiamava sul set. Sono stata testarda. È molto difficile che io lasci qualcosa a metà!
Qual è il personaggio che hai interpretato in cui maggiormente ti sei identificata? 
Ho sempre fatto personaggi “coloriti”. A casa mi prendono in giro dicendo che o faccio la mi******tta o faccio la str****. Quindi un personaggio simile a me non l’ho ancora incontrato. E ne sono contenta. C’è da dire però che ogni personaggio ti fa scoprire una caratteristica che non pensavi di avere. Io adoro provocarmi e vedere cosa riesco a tirar fuori.

 

Daniela Virgilio
Daniela Virgilio. Fonte movieplayer
Ti è mai capitato di doverti calare nei panni di un personaggio completamente diverso da te?
Come dicevo, Patrizia (Romanzo Criminale), arrivista e disperata; Livia (Un passo dal cielo) è una madre che ha perso suo figlio); Tania (Workers) è una ragazzina fissata con i camici bianchi; Sonia (I segreti di Borgo Larici) è una donna cinica pronta a tutto pur di avere potere e ricchezze; un killer nella serie Intelligence; con I soliti idioti e con Herbert Ballerina mi sono data alla commedia demenziale. Non parliamo dei film horror! Direi che è si è trattato sempre di personaggi molto distanti da me!
Il grande pubblico ti ha conosciuto con la straordinaria interpretazione di Patrizia in Romanzo Criminale, prostituta amante del lusso che fa perdere la testa al Dandi (interpretato da Alessandro Roja) e al Commissario Scialoja (interpretato da Marco Bocci). Cosa ti ha lasciato il personaggio di Patrizia? Che ricordo hai di questa esperienza? 
È stata la mia prima esperienza e l’ho amata. Quel personaggio è stato forse il più bello e – lo dico sempre – se potessi riaffrontarlo ora lo renderei ancora più sfaccettato e più intenso. Sono passati 9 anni e credo di essere cresciuta molto nel frattempo. Sicuramente la sensualità e la femminilità sono un regalo che mi ha lasciato Patrizia.
Risultati immagini
Daniela Virgilio e Alessandro Roja. Fonte Movieplayer

Quali sono state secondo te le ragioni dell’incredibile successo della serie di Stefano Sollima?

Beh è stato il punto di partenza di una serie di progetti che l’hanno portata come esempio. Al di là della tematica accattivante, Romanzo Criminale è un prodotto di qualità. Non è patinato, il lavoro della scenografia e dei costumi sulla ricostruzione storica era attento e preciso. La scelta di attori meno conosciuti ha portato un realismo al quale il pubblico ha creduto. C’era la storia vera e cruda ma c’era anche tanta ironia. Si rideva e ci si incazzava in ogni puntata. Credo che Romanzo sia stato il connubio perfetto tra intrattenimento e storia. La qualità paga sempre.
Ti va di raccontarci qualche aneddoto vissuto durante le riprese di Romanzo Criminale?
In due anni di riprese di aneddoti ce ne sono mille: la volta che Stefano ha interrotto le riprese, mi ha portata fuori dal commissariato e ha tentato di insegnarmi a fumare, visto che – a detta sua – con la sigaretta in bocca sembravo una ragazzina di 5 anni. La volta che Vinicio mi ha ribattezzata Zia Lisetta, perché dopo lo stop in due minuti mi toglievano i tacchi, mi davano delle ciabatte, e mi mettevano i bigodini per tenermi la piega… Diventavo una donna veramente poco attraente!
La volta che mi hanno messo il toupè, perché avessi il pelo folto tipico degli anni ’80… meglio non continuare!
Risultati immagini per daniela virgilio
Daniela Virgilio. Fonte RBcasting
Quali sono i tuoi progetti futuri?
Il 9 marzo esce al cinema il mio ultimo film “Questione di Karma” di Edoardo Falcone, con Elio Germano e Fabio De Luigi. Io sono la moglie di Elio. È una commedia intelligente e divertente…. Andate a vederla!

Commenti

commenti