Draghi non-morti, flotte immense, esecuzioni capitali e barbari pronti a sterminare i loro nemici. Le premesse per una splendida stagione ci sono tutte.Tuttavia, volendo fare un bilancio complessivo della settima stagione di “Game of Thrones”, le conclusioni da trarre sono destinate a deludere le aspettative dei fans.

Parlando in termini generali, si può dire che nei primi episodi si verifica un rapido movimento di assestamento delle forze in gioco all’interno del continente occidentale: si stabiliscono alleanze, si fanno i conti delle spese militari e si progettano strategie di guerra. A ciò segue qualche battaglia che pone in una situazione di vantaggio Daenerys. Il punto di svolta avviene però con la partenza di Jon Snow al fine di catturare un estraneo da mostrare ai potenti di tutta Westeros. Grazie a questa avventura la giovane Targaryen perde un drago ma rinsalda (in tutti i sensi) il suo rapporto con il re del Nord.

Risultati immagini per partenza di jon snow

Tuttavia, non si capisce da cosa si origini questa relazione fra i due sovrani. Le battute che si scambiano nel corso delle prime puntate non mostrano il minimo interesse da parte di entrambi, specialmente per Jon, il quale, da buon uomo del Nord, mostra un totale disinteresse riguardo alla persona di Daenerys: a lui interessano di più i draghi come arma per sconfiggere gli estranei. Nonostante questo suo atteggiamento iniziale, non appena lei gli salva la vita mentre era oltre la barriera, Jon si innamora inspiegabilmente e improvvisamente di Daenerys. Una storia d’amore costruita sul nulla.

Risultati immagini per lord baelish

Come è accaduto per questi due personaggi, l’incapacità di gestire trame articolate si è rivelata anche per la morte di Lord Baelish. Un personaggio tanto complesso e capace di tutto viene prima gestito in maniera mediocre nel corso della stagione, in cui non ha fatto altro che ordire trame ridicole per fare litigare le sorelle Stark tra di loro, per poi essere giustiziato senza un regolare processo da Sansa, Arya e il resto delle casate del Nord, basandosi unicamente sulla testimonianza delle visioni di Bran.

Risultati immagini per game of thrones

In conclusione, si tratta di una stagione senza infamia né lode che ha messo in evidenza le difficoltà di proseguire la storia originaria di Martin, creando qualcosa di appena accettabile per un pubblico che si aspetterebbe una conclusione quantomeno decente dopo aver visto ben sette stagioni.

Commenti

commenti

SHARE