Elezioni Russia 2018: il dominio incontrastato dello “Zar” Vladimir Putin sembra inattaccabile

Vladimir Putin eletto presidente della Russia per la quarta volta con oltre il 75% dei voti.

Come era stato ampiamente pronosticato dai sondaggi pre-elettorali, Vladimir Putin, “Zar” incontrastato di Russia, è stato eletto Presidente con oltre il 75% delle preferenze. Il Cremlino si attendeva un’affluenza superiore. L’obiettivo dichiarato era raggiungere il 70%. Si è recato alle urne, nella giornata del 18 marzo, il 63,7% degli elettori. Alle presidenziali del 2012 l’affluenza fu leggermente più alta: votò il 65,3% degli aventi diritto. Ancora una volta, Putin detiene il monopolio del sistema politico di una delle più grandi potenze mondiali. Un monopolio che pare inattaccabile. Lo “Zar” di Russia, come di fatto accaduto in tutte le precedenti elezioni presidenziali, ha condotto una campagna elettorale senza avversari degni di nota. Il suo principale sfidante, Pavel Grudinin, ha raggiunto soltanto il 13,4% delle preferenze. Vladimir Zhirinovski, leader nazionalista, si è aggiudicato il 6,3% dei voti.

Risultati immagini per PAVEL GRUDININ
Pavel Grudinin.

Grigory Yavlinsky, Sergei Baburin, Boris Titov e Maxim Suraikin non superano l’1%. Questo, stando alla Costituzione russa e salvo colpi di scena, dovrebbe essere l’ultimo mandato di Putin, che terminerà nel 2024. In questa fase è molto complicato individuare un leader che possa costituire un’alternativa politica allo “Zar”, uomo che governa la Russia da quasi vent’anni. Ad urne chiuse, il Presidente ha pronunciato il suo primo discorso davanti ad una folla festante a pochi passi dal Cremlino. Queste le sue parole: “Penseremo al futuro della nostra grande patria, al futuro dei nostri figli e agendo così senza dubbio siamo condannati a vincere“. Il “neo Presidente” ha anche affrontato il caso Skripal: “Se si fosse trattato di nervino di tipo militare Serghei Skripal sarebbe morto sul posto: noi abbiamo distrutto il nostro arsenale chimico mentre i nostri partner non lo hanno ancora fatto“.

Risultati immagini per putin discorso dopo elezioni
Discorso alla folla di Vladimir Putin dopo il successo elettorale. Fonte: La Repubblica

Il portavoce della campagna elettorale di Putin, Andrei Kondrashov, punzecchia la Gran Bretagna. “L’affluenza risulta più alta del previsto dell’8-10% e per questo dobbiamo ringraziare la Gran Bretagna perchè ancora una volta non ha capito la mentalità della Russia: ogni volta che ci accusano di qualcosa in modo infondato il popolo russo si unisce al centro della forza e il centro della forza oggi è senz’altro Putin.”

Nel complesso si è trattato di una campagna elettorale priva di colpi di scena nella quale Putin il più delle volte ha preferito defilarsi. Lo “Zar” di Russia ha utilizzato una mossa strategica di non poco conto: ha deciso di non presentarsi come leader del partito ” Russia Unita” ma come leader “indipendente”, una scelta che gli ha conferito ulteriore popolarità. Una novità assoluta di queste elezioni è stato il voto dei cittadini della Crimea, i quali, dopo l’annessione avvenuta nel 2014, hanno potuto partecipare alle consultazioni elettorali russe.

 

Commenti

commenti

SHARE