Vittoria e terzo mandato consecutivo in cascina. Si appresta così nuovamente a governare Viktor Orbán, 54 anni, leader dell’Unione Civica Ungherese e Primo Ministro senza sosta dal 2010 (in passato lo era stato tra il 1998 ed il 2002).

Risultati immagini per viktor orban

Dopo una lunga notte di conteggi le previsioni si sono avverate. Addirittura superate. Difatti il suo partito, Fidsez, supera il 49,5% dei voti e gli assicura una maggioranza assoluta, se non dei due terzi. E’ in fase di spartizione il numero dei seggi dell’Assemblea nazionale, e secondo i primi calcoli Orbán conquisterebbe 134 scranni su 199. Segue con ampio margine di scarto il partito di destra del suo rivale Jobbik, che si ferma al 20% seppur aumenta il bottino personale dei voti rispetto all’ultima tornata elettorale. Infine si fermano al 12% gli ex comunisti, oggi socialisti. Ancora mancano i voti dei cittadini ungheresi all’estero, che comunque non potranno modificare di molto l’essenza del risultato appena descritto.

Da segnalare l’altissima affluenza al voto da parte degli elettori, che si sono recati alle urne piazzando una percentuale record con il 68,8%, che segna un più 8% rispetto alle ultime elezioni nazionali di quattro anni fa. Probabilmente la campagna elettorale di Viktor Orbán basata sulla difesa identitaria della nazione e sui valori e principi della cultura cristiana occidentale a fronte della sempre più frequente invasione della cultura islamica proveniente dal Medio Oriente e dall’Africa avrà convinto un maggior numero di cittadini aventi diritto al voto.

Risultati immagini per elezioni ungheria

E, con una opposizione virulenta, non sono riusciti nemmeno gli avversari politici a spodestarlo dopo le varie accuse di corruzione, di controllo dittatoriale della stampa e dei media in generale e di stretta ed inopportuna amicizia con Putin (reo di remare contro le strategie dell’Unione Europea e della Nato). Alla fine ha vinto il no ai migranti e l’accusa a tutti i suoi oppositori di essere agenti al servizio del tycoon. Senza dimenticare comunque che negli ultimi anni l’Ungheria è stata protagonista di una forte crescita economica che ha abbassato la percentuale dei disoccupati e favorito la crescita industriale del Paese. Mantenendo in ordine i conti dello Stato.

Da oggi Viktor Orbán, dopo Angela Merkel, è il capo di governo di uno Stato membro dell’Unione Europea in carica da più tempo. Queste le sue prime dichiarazioni a risultato ormai acquisito: “Vittoria decisiva, in futuro saremo in grado di difendere la nostra madrepatria”.

 

 

 

Commenti

commenti

SHARE