PRIMO TEMPO

Dopo soli 76 secondi dal fischio di inizio ci pensa Mario Mandžukić ad accendere l’entusiasmo dei bianconeri. La Juve continua ad attaccare, dimostrando un’incontenibile fame da gol per tutto il primo tempo. Al 17′ la prima sostituzione per la Vecchia Signora: entra Lichtsteiner al posto di De Sciglio. Al 37′ arriva la seconda rete, siglata sempre dall’attaccante croato. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 0-2.

Risultati immagini per mandzukic maglia gialla juve

SECONDO TEMPO

Il secondo tempo prende avvio con due sostituzioni per il Real Madrid: entrano Lucas Vazquez ed Asensio al posto di  Casemiro e Bale. Gli uomini di Zidane sembrano non riuscire a contenere l’impeto dei bianconeri neppure nella prima fase del secondo tempo. Al 61′ arriva il terzo gol della Juve, siglato da Matuidi. Al 75′ arriva il terzo cambio per i galacticos: entra Kovacic, esce il numero 10 Modric.

Risultati immagini per real madrid juve gol matuidiAl 93′ arriva la beffa finale per i bianconeri. Nei minuti di recupero il presunto fallo da rigore di Benatia su Lucas Vazquez infrange di fatto il sogno di un’impresa epica per la squadra di Allegri. Espulso il capitano Buffon per proteste. Entra Szczesny e  il rigore viene battuto da Cristiano Ronaldo, che insacca una rete siglando la qualificazione, per molti immeritata, del Real in semifinale.

Nessuno meglio di Benatia può analizzare questo episodio: <<Ho fatto di tutto per evitarlo, non si fischia mai un fallo del genere. Ma si sa che loro sono sempre aiutati, l’anno scorso è successo al Bayern>>.

Per non parlare del capitano bianconero. Gigi Buffon finisce così (probabilmente) la sua esperienza in Champions. Nel peggiore dei modi, con un cartellino rosso. <<Il Real ha meritato di passare il turno, sono stati più forti di noi, magari vinceranno la Champions e per me è stato un onore giocare contro di loro, ma questa sera meritavamo di andare ai supplementari. Non meritavamo di uscire così>>.

Risultati immagini per real madrid juve buffon

La cosa che – più delle altre –  accende un incontenibile sentimento di rabbia è il comportamento di Oliver, che ha decretato la qualificazione degli spagnoli sulla base di un’azione dubbia, anzi “superdubbia”. Un Buffon senza freni, che perde il suo proverbiale equilibrio scagliandosi contro l’arbitraggio, mette in risalto il cinismo che ha determinato l’ingiusta uscita dalla Champions dei bianconeri. Oliver forse non è stato all’altezza di gestire un palcoscenico del genere, per poca esperienza o per meschinità. Certo, il var in Champions avrebbe aiutato, ma non è possibile decretare di fatto l’uscita della Vecchia Signora per un’ambiguità di gioco.

Nonostante l’esito crudele che ha coinvolto la Juventus, c’è da dire che il calcio italiano, a scapito della sfortuna iniziale, ha manifestato grinta, determinazione, caparbietà ed una irrefrenabile fame da gol.

Qualcuno commenterebbe l’episodio di ieri così: <<A pensar male degli altri si fa peccato ma spesso ci si indovina>>.

Commenti

commenti