La stagione 2017/2018 di Serie A Tim si è conclusa ieri sera con gli ultimi match. È da anni che il campionato italiano di massima serie non lasciava i tifosi con il fiato sospeso fino al fischio finale dell’ultima partita. Lo scudetto è stato vinto dai bianconeri di Allegri già la scorsa settimana all’Olimpico: si tratta del trentaquattresimo del club juventino e il settimo consecutivo. I 95 punti ottenuti nel corso del campionato sono poi il terzo punteggio più alto nella storia della massima serie, dopo i 102 punti conquistati sempre dalla Vecchia Signora nella stagione 2013/2014 e i 97 ottenuti dall’Inter nel 2006/2007. Secondo posto per il Napoli di Sarri, che ha concluso il campionato a 91 punti dopo la vittoria di ieri contro il Crotone, che ha inflitto ai calabresi la retrocessione in serie B. La vittoria dei giallorossi a Reggio Emilia ha assicurato il terzo posto alla squadra di De Francesco. La quarta squadra del campionato è invece l’Inter di Spalletti, che ha raggiunto, dopo ben sei stagioni, la tanto agognata Champions League vincendo ieri contro la Lazio. In Europa League andranno invece Lazio, Milan e Atalanta. Le squadre di Inzaghi e Gattuso accedono direttamente alla fase a gironi, mentre gli orobici dovranno prima passare i turni preliminari.

1

In merito alle retrocessioni in B, ieri la dura sconfitta del Crotone contro il Napoli ha decretato un’amara retrocessione per i pitagorici, insieme con l’Hellas e il Benevento, condannate alla seconda serie già da alcune giornate. Ritorno in massima serie invece per l’Empoli di Aurelio Andreazzoli e del Parma di Roberto D’Aversa. L’ultima promozione in massima serie verrà invece assegnata nei play-off che verranno disputati da Frosinone, Palermo, Venezia, Bari, Cittadella e Perugia. Questi interessanti match vedranno peraltro protagonisti in panchina tre campioni del mondo: Filippo Inzaghi, allenatore del Venezia; Fabio Grosso, coach del Bari e Alessandro Nesta, ct del Perugia.

Commenti

commenti

SHARE