Reggio Calabria. Il presidente della Conferenza permanente interregionale per il coordinamento delle politiche dell’Area dello Stretto, Domenico Battaglia chiede al Ministro dei Trasporti
Toninelli “di non sospendere il servizio di collegamento veloce tra Reggio Calabria e Messina, valutando eventualmente anche l’ipotesi di una proroga della concessione in essere, in attesa della nuova gara”. “Siamo quasi fuori tempo massimo, considerato che l’affidamento scadrà domenica 30 settembre. Urge far presto. Il Governo si attivi – rilancia Domenico Battaglia – per trovare una soluzione immediata poiché è inimmaginabile un’interruzione, seppur momentanea, del servizio di mobilità veloce tra le due sponde che danneggerebbe i rispettivi territori per i quali in questi anni abbiamo incrementato le condizioni per una crescente interconnessione nella cornice di una più ampia integrazione dell’Area dello Stretto mirata ad accrescere i servizi, le attività economiche, culturali e sociali”. “Non si doveva attendere la scadenza del termine di affidamento, trascinando in una situazione emergenziale il comparto dei trasporti veloci tra Reggio e Messina. La continuità territoriale – evidenzia – non può subire tale grave pregiudizio che arrecherebbe pesanti disagi al vasto bacino di utenza che quotidianamente usufruisce del servizio per ragioni di lavoro, per motivi sanitari, per instaurare relazioni commerciali e che provocherebbe una inaccettabile penalizzazione anche sul versante turistico, strategico per la crescita del nostro territorio”. “Dobbiamo ancora una volta stigmatizzare l’assenza di politiche di programmazione e la distrazione del Governo – prosegue l’esponente politico – rispetto ad un tema strategico come quello dell’attraversamento dello Stretto, con il rischio di vedere smantellato un servizio efficiente che, al contrario, avrebbe dovuto essere sostenuto e intensificato”. “Attendiamo una risposta immediata delle autorità preposte rispetto ad una questione – conclude Domenico Battaglia – che rischia di inficiare ulteriormente l’offerta dei servizi di mobilità tra le due Città Metropolitane di Reggio e Messina e che comprometterebbe irrimediabilmente le potenzialità di sviluppo economico, sociale e culturale dell’Area dello Stretto la quale al contrario ambisce a crescere sempre più in una prospettiva di conurbazione”.

Commenti

commenti

SHARE