Roger Federer raggiunge quota cento… ma niente pensione!

King Roger conquista a Dubai il 100° trofeo della sua leggendaria carriera

Era nell’aria da qualche tempo, Roger Federer ha raggiunto un altro traguardo storico. Il 100° trofeo della sua infinita carriera è l’ennesimo risultato leggendario ottenuto dallo svizzero che, però, non si può ancora considerare il tennista più vincente di sempre. Il record di trofei conquistati, uno dei pochi non ancora riscritto da King Roger, appartiene allo statunitense Jimmy Connors, rivale di Borg e McEnroe, in grado di vincere ben dieci tornei del Grande Slam (di cui otto in singolare), ma soprattutto detentore di 109 trofei ATP.

Il tennista di Basilea ha trionfato per l’ottava volta in carriera nel Dubai Duty Free Tennis Championships della classe ATP World Tour 500 Series. La  settimana non era cominciata nel migliore dei modi perché Federer  aveva sofferto nei primi due match, riuscendo ad avere la meglio su Kohlschreiber e Verdasco soltanto nel terzo set. Il livello di gioco dello svizzero si è alzato soltanto a partire dai quarti di finale, in cui ha sconfitto l’ungherese Fucsovics in due set, ma soprattutto in semifinale, dove ha annientato il giovane croato Borna Coric con un netto 6-2  6-2.

La finale, seppur a tratti equilibrata, ha visto Federer prevalere su Stefanos Tsitsipas con il risultato di 6-4  6-4, in poco più di un’ora di gioco. Il promettente tennista greco non è riuscito a contrastare il solido servizio dello svizzero che ha, come sempre, dimostrato un’incredibile capacità di adattamento al gioco dell’avversario, mostrando il solito eccezionale repertorio di colpi da “videogame”: alta percentuale di prime palle, dritto efficacissimo e “quella” risposta, che gli ha consentito di strappare il servizio al giovane avversario. Tsitsipas può comunque ritenersi soddisfatto: grazie al raggiungimento della finale, entrerà nella Top 10 del ranking ATP.

www.dubaidutyfreetennischampionships.com
www.dubaidutyfreetennischampionships.com

King Roger, alla non più verde età di 37 anni, non intende mollare: dopo il  trionfo di Dubai il ranking lo vede ritornare al quarto posto dietro a Novak Djokovic, Rafael Nadal e Alexander Zverev; è riuscito a  scavalcare in un colpo solo lo sfortunato argentino Juan Martin Del Potro, il sudafricano Kevin Anderson e il giapponese Kei Nishikori, che scalano rispettivamente in quinta, sesta e settima posizione.

In attesa del Masters 1000 di Indian Wells, che inizierà il prossimo 7 marzo, RF ha già annunciato che, dopo aver saltato le ultime tre edizioni, intende partecipare al Roland Garros: il tennista svizzero non calca la terra rossa dell’Open parigino dalla sconfitta nei quarti di finale  subita dal connazionale e amico Stan Wawrinka nell’edizione del 2015.

www.nysportsday.com
www.nysportsday.com

Chissà che il Re non voglia ripresentarsi a Parigi per celebrare un suo possibile e clamoroso ritiro a fine stagione con un successo nell’Open a lui meno congeniale. Al momento, però, si tratta solo di una suggestione perché Federer non sembra intenzionato a lasciare il tennis. Intanto tutti gli appassionati di sport sperano che il tennista più forte di sempre possa continuare ad incantare il pubblico con i suoi colpi straordinari, superando con la solita classe i rivali di sempre, ma soprattutto sconfiggendo il tempo, il nemico più grande, che scorre inesorabile.

Commenti

commenti