Si è svolto ieri, presso il Palazzo del Governo di Reggio Calabria, il cinquantacinquesimo Consiglio dei ministri. Trattasi della seconda riunione dell’organo esecutivo nella città metropolitana dello Stretto (il primo si tenne il 28 gennaio 2010, quando venne istituita l’Agenzia dei Beni Confiscati).

Legalità e Sanità le parole chiave di questo importante Consiglio, che è stato scandito dall’approvazione di due significativi provvedimenti: il Decreto Sanità e il Decreto “Sblocca-cantieri”.

timthumb (1)

 

Il primo atto avente forza di legge impone l’applicazione di norme serrate e rigorose in ordine all’operato dei direttori generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere della Regione. Un provvedimento ineludibile e necessario che tenta di far fronte in maniera tempestiva alle plurime criticità che purtroppo connotano il sistema sanitario calabrese. Il Ministro alla Salute Giulia Grillo ha parlato di un vero e proprio “dovere morale” nei confronti di una situazione di eccessiva emergenza, caratterizzata da un disavanzo di gestione arrivato a 168 milioni di euro nell’ultimo trimestre del 2018 e il punteggio relativo ai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) del 2017 fermo a 136, molto al di sotto del limite minimo di 160. Dure le parole del Vicepremier Luigi Di Maio: “Lo Stato si riprende la sanità perché qui, nella migliore della ipotesi era in mano ai partiti, nella peggiore era in mano alla ‘ndrangheta“. Di alta valenza simbolica e fattuale è stata anche la visita del Premier Conte agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, emblema delle molteplici criticità che impediscono una dignitosa erogazione dei servizi sanitari. “Il Decreto Calabria è decreto d’emergenza che ha durata limitata per rispettare le prerogative regionali per cui abbiamo assoluto rispetto. Visto che in dieci anni nessuno e’ riuscito a risolvere niente abbiamo il dovere morale di risolvere la situazione sotto gli occhi di tutti. Questo e’ un importante segnale dello Stato, grazie alla sensibilità del presidente Conte e alla decisione di fare un Cdm in Calabria sul tema più delicato per la vita di tutti noi: la sanità”, le parole del Ministro Grillo.

vlcsnap2019041813h37m54s277

In relazione poi al Decreto c.d. “Sblocca-cantieri”, esso mira ad avviare un percorso di semplificazione delle procedure di gara e di aggiudicazione delle  commesse pubbliche. Tra le principali novità: l’istituzione di un regolamento unico all’interno del quale verranno riuniti una serie di provvedimenti attuativi del Codice dei contratti pubblici, per alcuni versi farraginoso e pluriforme; la riduzione degli oneri informativi a carico delle amministrazioni; la possibilità di affidare gli interventi di manutenzione sulla base del progetto definitivo; la semplificazione e la velocizzazione delle procedure di aggiudicazione per appalti di importo inferiore alle soglie previste a livello comunitario, con la reintroduzione della preferenza del criterio del minor prezzo e l’eliminazione dell’obbligo di indicare la terna dei subappaltatori; la possibilità, per le stazioni appaltanti, in caso di indisponibilità di esperti iscritti nell’albo tenuto dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), di nominare la commissione di gara anche solo parzialmente; lo sblocco della realizzazione di alcune opere pubbliche ritenute strategiche, prevedendo la nomina di commissari straordinari o l’esercizio di poteri sostitutivi.

Risultati immagini per consiglio dei ministri reggio cal

Commenti

commenti

SHARE