Due anime incomprese

L’anno scorso, lo scrittore francese Daniel Pennac ha pubblicato un’opera dal titolo Mio fratello dedicata alla scomparsa prematura del familiare che tanto gli stava a cuore.

Due anime incomprese

Daniel Pennac e il Bartleby di Melville

L’anno scorso, lo scrittore francese Daniel Pennac ha pubblicato un’opera dal titolo Mio fratello dedicata alla scomparsa prematura del familiare che tanto gli stava a cuore. L’autore prende le mosse dal dolore del lutto e cerca di incanalare i suoi sentimenti negativi attraverso l’inchiostro, inoltrandosi in un viaggio che ha costituito per lui un’importante occasione di riflessione sul forte legame che lo univa al fratello Bernard.

Tutto comincia nel momento in cui Pennac decide di omaggiare Bernard, dopo sedici mesi di lutto sofferto, con la riduzione a monologo del Bartelby di Melville, dal momento che riteneva che il fratello condividesse diverse somiglianze con il personaggio dello scrittore newyorkese. L’intera struttura del’opera si compone, infatti, di una continua alternanza tra frammenti del monologo e riflessioni dell’autore o racconti di episodi della vita dei due Pennac. Seguendo questo andamento altalenante, si vanno delineando i caratteri di Bartleby, Bernard e Daniel Pennac e vanno emergendo importanti tratti in comune fra il protagonista del monologo e il fratello deceduto. Infatti, da un lato, Bartleby si scopre essere un personaggio che nessuno riesce minimamente a comprendere, dall’altro, Daniel rivela poco per volta la sua incapacità di parlare con Bernard dei loro sentimenti più intimi. L’incomunicabilità si erge progressivamente a tema fondamentale dell’opera. Mentre nel caso del Bertleby il narratore e datore di lavoro del protagonista (interpretato da Pennac in persona) non riesce neppure a spiegarsi cosa faccia nella vita il suo sottoposto né di cosa si nutra o dove vada a dormire, nelle parti in cui a parlare è Daniel si rende sempre più evidente un inaspettato contrasto fra la tremenda complicità e l’enorme affetto che legava i due fratelli Pennac con la mutua impossibilità di penetrarne i segreti dell’animo. Dunque, giunto il momento della morte, ciò che rimane è un profondo senso di nostalgia e di rimorso per non aver fatto abbastanza per capire fino in fondo tanto Bartleby, quanto l’amato Bernard. Pertanto, la stesura di Mio fratello è l’ultimo omaggio che Daniel ha compiuto nei suoi confronti e l’ultima possibilità che ha avuto per capirlo fino in fondo.

Commenti

commenti

SHARE