Il sogno continua: la Reggina passa il primo turno dei playoff

Al via oggi le sfide del primo turno degli spareggi playoff. La Reggina di Gallo, in un match travolgente, riesce a battere il Monopoli allenato da Giuseppe Scienza. Spettacolare la coreografia dell’instancabile Curva Sud, che ha colorato il Granillo, colmo di tifosi come non accadeva da anni ormai immemori.

In un primo tempo caratterizzato da un Monopoli pressante, gli amaranto di Cevoli sembrano anestetizzati dagli avversari: non creano occasioni e si lasciano dominare dagli ospiti, molto agguerriti nonostante il contesto per loro certamente scomodo. In effetti, al 36′ giunge la rete dei pugliesi, siglata da Scoppa su calcio di punizione. Il gol che ha segnato l’iniziale vantaggio dei pugliesi avrebbe potuto essere certamente evitato da Confente. La Reggina deve fare di più, deve realizzare azioni più pericolose che possano portare almeno ad un risultato di pareggio. Al 59′ arriva il primo cambio per gli amaranto: in campo Baclet al posto di Solini, con conseguente cambio di modulo, con una punta in più. Al 66′ la squadra di Cevoli vicinissima al pareggio: su punizione di Bellomo, la sponda di Kirwan è per Gasparetto, che manca la porta di pochissimo, suscitando un clima molto teso e tuonante tra gli spalti del Granillo. Al 71′ arriva il cambio che la formazione amaranto aspettava: Ungaro al posto di Zibert. E’ proprio il centrocampista di origine tarantina ad insaccare una rete mozzafiato soltanto dopo otto minuti dal suo ingresso in gioco. Sugli sviluppi di un calcio di punizione Ungaro crea un’azione sensazionale, siglando dalla distanza un sinistro straordinario.

Il match si conclude con il risultato di 1-1, sufficiente alla squadra di Luca Gallo per passare al prossimo turno. Sbalorditivo l’entusiasmo dei tifosi amaranto, giunti oggi al Granillo in ben 14.000. Magica l’atmosfera di questa partita, che ha rievocato nel cuore di ogni tifoso i fasti di un tempo ormai lontano. Chissà se questa sarà la volta buona per ridare alla squadra calabrese il lustro di un tempo e per riconsegnarla a campionati più degni della sua lunga e prestigiosa storia.

Di certo sempre più arduo sarà il cammino della Reggina: i calabresi, difatti, dovranno scontrarsi mercoledì prossimo con il Catania al Massimino, in un match che si preannuncia al cardiopalma.

#cheilsognoabbiainizio

Commenti

commenti

SHARE