250 anni di Ludwig van Beethoven

Le celebrazioni dedicate al genio di Bonn

Lo scorso sedici dicembre, la Rai, in partnership con l’Accademia Filarmonica’ di Roma ha riservato un concerto per il 250mo anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven inaugurando una serie di spettacoli che verrano trasmessi in suo onore nel corso del nuovo anno. In Germania e in molti altri paesi del mondo, gli omaggi andranno avanti per gran parte del 2021, Covid permettendo, dal vivo.

In Italia, i principali teatri e le più importanti istituzioni musicali hanno proposto in questi mesi concerti in streaming, modificando in continuazione l’agenda per stabilire i repertori e cercare di ingaggiare i più blasonati direttori e artisti nazionali e stranieri.

La Filarmonica del ‘Teatro alla Scala’ di Milano nel mese di settembre del 2019 ha eseguito la Quarta sinfonia avviando così l’integrale delle Sinfonie dirette da Riccardo Chailly. A novembre e gennaio sono state messe in scena altre quattro sinfonie: Seconda, Terza, Quinta e Ottava, prima della pausa forzata dalla pandemia che ha interrotto la prosecuzione, compromettendo l’esecuzione della Nona sinfonia messa in scena successivamente lo scorso settembre, dopo l’allentamento delle misure restrittive da parte del governo.

L’orchestra del ‘Maggio Musicale Fiorentino’ diretta dal Maestro Zubin Mehta ha annullato l’esecuzione live di tutte e nove le sinfonie e dell’unica Opera del maestro di Bonn, ‘Fidelio’. Il teatro ‘La Fenice’ di Venezia e Yung – Whun hanno reso omaggio a Beethoven il 27 novembre scorso con la Nona, rimandando la messa in scena di ‘Fidelio’ per gli stessi motivi sopracitati e a tutti noti.

Anche l’OGI’ (Orchestra Giovanile Italiana) ha rinviato a data da destinatari i cinque concerti per pianoforte e orchestra, solista Rudolf Buchbinder, in programma per il 9 e 10 dicembre.

La prestigiosa ‘Accademia Nazionale di Santa Cecilia’, con sede nella capitale, eseguirà sotto la magistrale direzione del maestro Gatti un meraviglioso programma beethoveniano. I due concerti verranno trasmessi in streaming, il 7 gennaio i maestri romani eseguiranno il ‘Coriolano’ e il 14 dello stesso mese la Sesta Sinfonia, detta la ‘Pastorale’.

Il Teatro ‘Massimo’ di Palermo, come le sopracitate istituzioni, ha riservato a Beethoven grande attenzione nei programmi proposti per il 2021, con la speranza di tornare ad aprire le porte al pubblico siciliano.

In questo momento difficile per l’umanità è la cultura a dare il ‘la’ alla ripartenza. Beethoven con l’Inno alla Gioia’ ci insegna che la musica unisce i popoli nel bene e nel male, alimentando la fiammella di speranza che, seppur in modo pacato a causa degli ultimi avvenimenti, continua ad ardere incessantemente dentro di noi.

SHARE