Bridgerton: la serie tv di cui tutti parlano.

Scandali, intrighi, segreti e Lady Whistledown ti portano alla scoperta dell’alta società inglese nell’età Regency.

 

fonte.whatsonnetflix

Dal 25 dicembre non si fa altro che parlare di Bridgerton, la serie tv simbolo di queste vacanze natalizie pandemiche. Nata dalla collaborazione di Shonda Rimes e Chris Van Dusen con Netflix, questa serie tv ha avuto un enorme successo in pochissimo tempo, posizionandosi al primo posto nella Top Ten in Italia. 

Ma perché Bridgerton è piaciuta e piace così tanto?

Intrecci, gossip, scandali, intrighi e segreti sono gli aspetti principali che hanno tenuto incollato gli spettatori allo schermo. La trama prende ispirazione dai romanzi rosa della scrittrice Julia Quinn ed è il primo capitolo, “Il Duca e Io”, di un ciclo di otto romanzi.

Fin da subito è stata definita da molti come il “Gossip Girl dell’epoca Regency”, grazie alla presenza di Lady Whistledown che, tra una tazza di tè e un biscottino, rivela i segreti e i pettegolezzi dell’alta società londinese dell’ottocento, facendo immediatamente scalpore.

Ogni serie tv di successo ha una love story appassionante, in questo caso è quella tra Daphne (Phoebe Dynevor) e il Duca di Hastings, Simon (Regé-Jean Page). Parliamo di una storia d’amore diversa da quelle del giorno d’oggi, che ci fa riscoprire l’arte del corteggiamento, dei piccoli gesti e della galanteria.

fonte.style.corriere.it

L’Inghilterra di Bridgerton è multietnica, priva di razzismo, il colore della pelle dei personaggi non sembra mai determinare il ceto sociale, il che ci mostra una società molto inclusiva. Il motivo di questa scelta risale a re Giorgio III, che secondo alcuni studiosi, avrebbe sposato la regina Charlotte, la quale sarebbe stata la prima regina di origini miste della storia.

“Visto che la regina Charlotte sarebbe stata la prima regina di origini miste della storia, ci ha fatto domandare cosa sarebbe successo se grazie a lei altre persone di colore fossero state elevate in società con titoli e terre. Da qui è nato il personaggio del Duca di Hastings, il protagonista maschile della storia” afferma, il co-produttore, Chris Van Dusen.

fonte.vogue.it

I balli sfarzosi e le varie scene sono accompagnati dalle cover delle canzoni pop più conosciute della nostra epoca, da Taylor Swift a Shawn Mendes, Billie Eilish, Maroon Five, Ariana Grande… Riadattate in versione ottocentesca.

L’elemento finale che ha portato molta attenzione su questa serie Regency sono gli abiti, soprattutto quelli indossati dai personaggi femminili, sempre accompagnati da gioielli e tiare da capogiro in Swarovski, che hanno fatto innamorare tutte le fashion addicted. Scelti e studiati dall’occhio attento di Ellen Mirojnick, ogni vestito rispecchia il carattere e le inclinazioni delle differenti personalità: “Ogni famiglia ha il suo colore, una palette specifica che la rappresenta e che svela allo spettatore quello che i personaggi non dicono” afferma Ellen. 

fonte.silmarien.it

Insomma se non sapete come riempire queste giornate in zona rossa, cosa aspettate? Andate su Netflix e godetevi questa serie tv, che è stata definita da molti come un piacevole Guilty Pleasure.